Come appare un Nodulo Maligno in Mammografia

Nodulo maligno in mammografia

La mammografia è uno strumento diagnostico cruciale nella rilevazione precoce del cancro al seno, tra cui i noduli maligni. Questo esame utilizza raggi X a bassa dose per creare immagini dettagliate del tessuto mammario, consentendo ai medici di individuare anomalie sospette. In questo articolo, esploreremo come appare un nodulo maligno in mammografia e quali sono gli indicatori chiave che i professionisti medici cercano durante l’esame.

 

Mammografia: Un’importante arma nella lotta contro il cancro al seno

La mammografia è una procedura di imaging medico che coinvolge la compressione delicata del tessuto mammario tra due piastre di vetro per ottenere immagini chiare e dettagliate. Queste immagini, sono esaminate attentamente dai radiologi per rilevare qualsiasi anomalia, inclusi i noduli maligni.

nodulo maligno in mammografia

 

Caratteristiche tipiche di un nodulo maligno in mammografia

  1. Aspetto stellato o irregolare: Uno dei segni distintivi di un nodulo maligno in mammografia è la sua forma e i margini. I noduli maligni spesso appaiono con margini irregolari o stellati, a differenza dei noduli benigni che tendono ad avere margini regolari e ben definiti.
  2. Densità elevata: I noduli maligni sono generalmente più densi rispetto al tessuto circostante nella mammografia. Questa densità può far apparire il nodulo come una zona più chiara o più scura a seconda del tipo di tessuto mammario circostante.
  3. Spiccate microcalcificazioni: Alcuni noduli maligni possono causare la formazione di piccole calcificazioni all’interno del tessuto mammario, che appaiono come piccoli punti bianchi nelle immagini mammografiche.
  4. Aumento delle dimensioni nel tempo: Un nodulo maligno può mostrare un aumento significativo delle dimensioni o dei cambiamenti morfologici nel corso di mammografie di follow-up. Questo può essere un segno di malignità.
  5. Estraneità rispetto al tessuto circostante: I noduli maligni appaiono spesso diversi dal tessuto mammario circostante, sia per forma che per densità.
  6. Segni di diffusione nei linfonodi: Durante l’esame mammografico, i radiologi cercano anche segni di coinvolgimento dei linfonodi sotto l’ascella, poiché ciò può indicare la diffusione del cancro.
  7. Conferma tramite biopsia: Nonostante le indicazioni fornite dalla mammografia, la diagnosi definitiva di un nodulo come maligno richiede spesso una biopsia, che coinvolge la rimozione di un piccolo campione di tessuto per l’analisi microscopica.

 

Conclusioni

La mammografia è uno strumento cruciale nella rilevazione precoce dei noduli maligni al seno, permettendo ai medici di iniziare tempestivamente il trattamento. È importante sottolineare che l’interpretazione delle immagini mammografiche richiede esperienza e competenza da parte dei radiologi. Se sospettate la presenza di un nodulo maligno o avete ricevuto una diagnosi, consultate immediatamente un medico specializzato per una valutazione approfondita e un piano di trattamento personalizzato. La mammografia è solo uno degli strumenti a disposizione dei professionisti medici nella lotta contro il cancro al seno, ma gioca un ruolo cruciale nel salvare vite.

 

Per informazioni più dettagliate, puoi anche contattarmi alla seguente mail

Prof. Massimo Vergine-Chirurgo senologo

Direttore Unità Operativa Complessa della Chirurgia della mammella- chirurgo Breast Unit

Policlinico Umberto I di Roma

Per appuntamento per visita senologica Policlinico Umberto I  tel. 06.49977800    te. 339.6166430

o scrivere a  massimo.vergine@uniroma1.it           Visita il Lunedi ore 8-13

PRENOTA UNA VISITA SENOLOGICA

Per appuntamenti  in intramoenia

Clinica Mater Dei          (visita senologica intramoenia)   tel .  –  06.83803     (Giovedi  ore 16-19)

Studio Artemisia Lab    (visita senologica intramoenia)  tel.    06/39919869  ( Mercoledi    ore 16,30-19,30)

Condividi Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *