Presenza di un Nodulo Mammario: Cosa fare

Presenza di un Nodulo Mammario

 

La scoperta di un nodulo mammario è un momento che può generare molta preoccupazione e ansia per molte donne. Tuttavia, è essenziale ricordare che non tutti i noduli sono indicativi di un tumore al seno. In questo articolo, esploreremo cosa significa la presenza di un nodulo mammario, le possibili cause e cosa fare una volta scoperto.

Cos’è un Nodulo Mammario?

Un nodulo mammario è una piccola massa  che si forma nel tessuto del seno. Possono variare in dimensioni e consistenza e possono essere dolorosi o indolori. È importante sottolineare che la maggior parte dei noduli al seno non è cancerosa, ma è fondamentale esaminarli attentamente e cercare consulenza medica.

Cause dei Noduli Mammari

I noduli mammari possono avere molte cause diverse:

1. Cambiamenti Ormonali

Molte donne possono sviluppare noduli mammarie legati ai cambiamenti ormonali durante il ciclo mestruale, la gravidanza o la menopausa. Questi noduli tendono a essere più sensibili e possono variare nel corso del ciclo mestruale.

2. Cisti

Le cisti sono sacche piene di liquido che possono formarsi nel tessuto mammarie. Sono spesso legate alle fluttuazioni ormonali e possono essere palpate come noduli.Si osservano di solito in donne nelle fasi pre-menopausali fra i 35  e i 50 anni. Talvolta possono crescere in maniera veloce provocando dolore tensivo. Alla palpazione si presentano come tumefazioni teso-elastiche , a parete liscia con fluttuazione. Quando raggiungono dimensioni oltre i 4-5 cm è indicata l’aspirazione con esame  citologico del liquido.

3. Fibroadenomi

I fibroadenomi sono tumori benigni comuni del seno che sono costituiti da tessuto ghiandolare e tessuto connettivo. Sono solitamente indolori e possono variare in dimensioni.E’ una lesione dell’unità terminale duttulo-lobulare “bifasica” cioè costituita da elementi cellulari e stromali: la causa dei fibroadenomi è probabilmente legata ad una maggiore sensibilità agli estrogeni. Talvolta i fibroadenomi contengono cisti , adenosi sclerosante, calcificazioni e modificazione apocrina papillare: in questo caso sono definiti complessi , e talvolta sono associati ad un leggero aumento di rischio a divertare carcinomi

4. Amartomi

Si tratta di una lesione di natura non tumorale, definita anche “mammella dentro la mammella” in quanto
la sua matrice differisce dal tessuto mammario normale solo nelle proporzioni. La componente adiposa è
spesso prevalente e per questo si parla di adenolipoma o adenofibrolipoma. Capsulato, può raggiungere
dimensioni cospicue, fino a 20 cm. La diagnosi è facilitata dai caratteri mammografici di benignità. Se non
pone problemi speciali, la sorveglianza nel tempo è un’opzione altrettanto ragionevole dell’exeresi:
quest’ultima trova un suo spazio per motivazioni analoghe a quelle del fibroadenoma.

5.Filloidi

Il filloide detto talvolta tumore filloide origina , come il fibroadenoma , dallo stroma intralobulare: è dunque una lesione ” bifasic” fibro epiteliale. per questo si pensa derivi da un fibroadenoma. Pseudocapsulato può avere variane benigna( di basso grado) border-line  ( di grado intermedio) maligno ( di alto grado). La metà delle forme è di basso grado . Le differenze tra le varie forme consiste nelle atipie delle cellule stromali, l’attività mitotica e la natura dei margini ( circoscritti o infiltrativi. Il trattamento è sempre chirurgico.

5. Tumori Maligni

Mentre la maggior parte dei noduli al seno è benigna, è fondamentale escludere la possibilità di un tumore maligno. Il carcinoma mammario è una delle principali preoccupazioni quando si trova un nodulo mammario. La diagnosi precoce è fondamentale per il trattamento efficace.

 

Cosa Fare se Trovate un Nodulo Mammario

La scoperta di un nodulo mammario dovrebbe essere seguita da una serie di passaggi:

 

1. Consultare un Senologo

La prima cosa da fare è consultare un medico. Un professionista sanitario esperto può valutare il nodulo attraverso l’esame fisico e, se necessario, richiedere ulteriori test diagnostici, come una mammografia, una ecografia o una biopsia.

2. Mammografia ( in base alla fascia di età)

Le mammografie sono esami radiologici utilizzati per identificare eventuali anomalie nel tessuto mammario. Sono particolarmente efficaci nella rilevazione precoce del carcinoma mammario.

3. Ecografia

L’ecografia può essere utilizzata per ottenere immagini più dettagliate del nodulo e delle strutture circostanti. Questo può aiutare a determinare se il nodulo è solido o cistico.

4. Biopsia

Esistono diverse tecniche di biopsia al seno, tra cui:

  1. Biopsia con ago sottile: Questa tecnica coinvolge l’inserimento di un ago sottile nel tessuto sospetto per prelevare un campione di cellule.( In questo caso prende il nome di Agoaspirato)
  2. Biopsia con ago spesso: In questo caso, un ago più spesso viene utilizzato per prelevare campioni di tessuto più grandi.
  3. Biopsia con ago sottile assistita da ecografia o mammografia: L’uso di immagini diagnostiche aiuta a guidare l’ago nella posizione esatta del tessuto da prelevare.
  4. Biopsia a vuoto: Questa procedura prevede l’uso di un ago a vuoto per rimuovere campioni di tessuto più grandi in modo più preciso.

5. Pianificare il Trattamento

Il trattamento dipende dal tipo di neoformazione che si è diagnosticata con gli esami strumentali ed eventualmente con la biopsia.

Comunque si può prescrivere un banale agoaspirato per svuotare delle cisti liquidi voluminose fino a consigliare l’asportazione del nodulo come ad esempioun fibroadenoma o un tumore filloide o a pianificare un intervento chirugico più complesso in caso di una diagnosi di tumore maligno.

Conclusioni

La presenza di un nodulo mammario è un evento che richiede attenzione medica immediata. Sebbene la maggior parte dei noduli sia benigna, è cruciale sottoporsi a una valutazione medica completa per escludere la possibilità di un tumore maligno. La diagnosi precoce e l’approccio terapeutico adeguato aumentano significativamente le possibilità di guarigione e sopravvivenza. Non esitate a consultare il vostro medico in caso di qualsiasi dubbio o preoccupazione riguardo ai vostri seni.

articoli correlati  :  Nodulo al seno -cause , diagnosi e trattamento

 

Per maggiori informazioni scrivi a     massimo.vergine@uniroma1.it

Prenotazione visita senologica-Prof. Massimo Vergine

Prof. Massimo Vergine-Chirurgo senologo

Direttore Unità Operativa Complessa della Chirurgia della mammella- chirurgo Breast Unit

Policlinico Umberto I di Roma

Per appuntamento per visita senologica Policlinico Umberto I  tel. 06.49977800 – 3396166430

o scrivere a  massimo.vergine@uniroma1.it

Visita il Lunedi ore 8-13

 

Per appuntamenti  in intramoenia

CLINICA MATER DEI         (visita senologica intramoenia)   tel .  –  06.83803     (Giovedi  ore 16-19)  -Roma

STUDIO ARTEMISIA LAB LANCISI   ( visita senologica intramoenia) tel- 06.44088  (Giovedi ore 13 -16) -Roma

Condividi Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *