Dolore al Seno

“Dolore al seno” è una parola  che può allarmare molte donne, sollevando dubbi e preoccupazioni.

Sebbene il dolore mammario, noto anche come mastalgia, possa essere spesso associato a periodi mestruali o alterazioni ormonali, è importante capire quando può essere un sintomo di qualcosa di più grave.

In questa guida, il Professore Massimo Vergine, esperto di senologia, spiega quando il dolore al seno può essere motivo di preoccupazione.

dolore al seno

Bisogna sempre preoccuparsi per un dolore al seno?

Il dolore al seno è una condizione comune e, nella maggior parte dei casi, non è un segno di cancro al seno. Ciò può farci pensare erroneamente che sia un disturbo da ignorare. Tuttavia, non dovrebbe essere così. Sebbene la mastalgia sia spesso collegata al ciclo mestruale, a fluttuazioni ormonali, o a condizioni benigne come i fibroadenomi o le cisti mammarie, può talvolta essere un indicatore di problemi di salute più seri, incluso il cancro al seno.

In ogni caso, ogni persistente o insolito dolore al seno dovrebbe essere valutato da un professionista medico. Questo perché un cambiamento nel tuo seno, anche se appare piccolo o insignificante, può essere un primo segnale che qualcosa non va e richiedere ulteriori indagini. Inoltre, un’analisi precoce può portare a una diagnosi tempestiva che, in caso di condizioni più gravi, aumenta notevolmente le possibilità di un esito positivo.

Quali possono essere le cause di dolore al seno

Il dolore al seno può avere diverse cause, tra cui:

  • Fluttuazioni ormonali: queste possono accadere durante il ciclo mestruale, la gravidanza, la menopausa, o a causa dell’uso di contraccettivi ormonali.
  • Cisti mammarie: piccoli sacchi di liquido che si formano nel tessuto del seno, possono causare dolore o sensibilità.
  • Traumi o lesioni: un infortunio al seno può causare dolore persistente.
  • Mastite: un’infezione del tessuto mammario che risulta in seni dolorosi e gonfi, spesso associata all’allattamento.
  • Tumore al seno: anche se raro, il dolore al seno può essere un sintomo di cancro.

Quando bisogna farsi controllare da un esperto per il dolore al seno?

È importante rivolgersi ad un senologo esperto  nei seguenti casi:

  • Il dolore è persistente e non migliora dopo il ciclo mestruale.
  • Si avverte un nodulo o un rigonfiamento nel seno o nell’ascella.
  • Si ha un cambiamento nella dimensione o nella forma del seno.
  • Si notano alterazioni della pelle del seno come arrossamento o rugosità.
  • Si ha una secrezione dal capezzolo, soprattutto se è sanguinolenta.

Perché fare visite periodiche al seno

Le visite periodiche al seno sono fondamentali per:

  • Rilevare precocemente eventuali anomalie: una diagnosi tempestiva di condizioni come il cancro al seno può aumentare significativamente le probabilità di successo del trattamento.
  • Monitorare le condizioni benigne: le condizioni non cancerose come le cisti o i fibroadenomi possono causare dolore al seno e richiedono un monitoraggio periodico.
  • Mantenere la salute del seno: le visite periodiche sono un’opportunità per discutere di qualsiasi preoccupazione relativa alla salute del seno e ricevere consigli personalizzati.

Chi dovrebbe fare visite periodiche al seno

Le visite periodiche al seno sono consigliate per una serie di individui, a prescindere da età o sesso. Queste verifiche periodiche sono fondamentali per individuare eventuali anomalie in anticipo, il che può migliorare significativamente l’esito di qualsiasi condizione che si potrebbe sviluppare.

Ecco a chi si raccomandano in particolare:

  • Donne oltre i 40 anni: la maggior parte delle organizzazioni mediche, tra cui l’American Cancer Society e l’American College of Radiology, raccomanda screening mammografici regolari per le donne di questa fascia di età. Questo perché il rischio di sviluppare un tumore al seno aumenta con l’età, rendendo questo gruppo particolarmente a rischio.
  • Donne con una storia familiare di cancro al seno o di altri tumori correlati: se hai un parente stretto (madre, sorella, figlia) che ha avuto il cancro al seno, il tuo rischio personale potrebbe essere più elevato. Questo vale soprattutto se il parente è stato diagnosticato prima dei 50 anni.
  • Donne con mutazioni genetiche note come BRCA1 o BRCA2: queste mutazioni aumentano notevolmente il rischio di sviluppare un tumore al seno. Se sei portatore di una di queste mutazioni, è probabile che ti venga consigliato di iniziare lo screening a un’età più giovane e di farlo più frequentemente.
  • Donne che hanno ricevuto radioterapia al torace prima dei 30 anni: la radioterapia può aumentare il rischio di sviluppare un tumore al seno in seguito. Se hai ricevuto tale terapia, specialmente durante l’infanzia o l’adolescenza, dovresti discutere con il tuo medico sulla necessità di uno screening più regolare.

Ricordiamo che la diagnosi precoce è un aspetto fondamentale nella lotta contro il cancro al seno. Se appartieni a uno di questi gruppi o se hai altri fattori di rischio, è di fondamentale importanza pianificare regolari visite senologiche con un professionista

noduli al seno

Se hai dolore al seno o altri sintomi preoccupanti, come un cambiamento nella forma o nella dimensione del seno, la comparsa di noduli o un arrossamento o secrezione insoliti dal capezzolo, è fondamentale sentire un senologo  di fiducia.

Con la sua vasta esperienza e competenza nel campo della senologia, il Professore Vergine è in grado di fornire diagnosi accurate e consigliare i trattamenti più efficaci per una vasta gamma di condizioni del seno. La sua dedizione e attenzione per i pazienti assicurano che riceverai un’assistenza di alta qualità, mettendo la tua salute e il tuo benessere al primo posto.

Ricorda, non esitare mai a consultare un esperto quando si tratta della tua salute. Il tuo benessere vale più di qualsiasi imbarazzo o preoccupazione possa provocare l’idea di una visita medica.

Conclusioni

Il dolore al seno può essere un fenomeno normale associato al ciclo mestruale o ad altre fluttuazioni ormonali, ma può anche essere un sintomo di condizioni più gravi. È importante prestare attenzione ai segnali del tuo corpo e non esitare a cercare assistenza medica se noti cambiamenti persistenti o insoliti.

 

Prenotazione visita senologica-Prof. Massimo Vergine

Prof. Massimo Vergine-Chirurgo senologo

Primario  Unità Operativa Complessa della Chirurgia della mammella del Policlinico Umberto I di Roma- Chirurgo Breast Unit

Principale area di interesse clinico è la diagnosi  diagnosi e trattamento chirurgico del tumore al seno con altre 30000 visite senologiche  e 4000 interventi chirurgici .

Ha acquisito una notevole esperienza nelle varie procedure chirurgiche , dalla quadrantectomia con incisioni minime alla mastectomia con risparmio di cute e capezzolo.

Membro della SIC ( Società Italiana di Chirurgia ) e dell’Anisc ( Associazione Nazionale Italiana Senologi Chirurghi)

Per appuntamento per visita senologica Policlinico Umberto I  tel. 06.49977800    tel. 339.6166430

o scrivere a  massimo.vergine@uniroma1.it           Visita il Lunedi ore 8-13

PRENOTA UNA VISITA SENOLOGICA INTRAMOENIA

Per appuntamenti  in intramoenia

CLINICA MATER DEI         (visita senologica intramoenia)   tel .  –  06.83803     (Giovedi  ore 16-19)  -Roma

STUDIO ARTEMISIA LAB LANCISI   ( visita senologica intramoenia) tel- 06.44088  (Giovedi ore 13 -16) -Roma

Condividi Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *